Anniversari da 2017

Posted: 14th marzo 2017 by adminspirito in VARIE

Salve

Dopo il pezzo precedente dedicato al nostro 10° Anniversario ci siamo accorti che questo 2017 sarà davvero ricco di Anniversari & Ricorrenze. Per restare sul nostro campo ci sarà :

175° Anniversario di Cadenhead’s – Storico selezionatore & Imbottigliatore Indipendente di Whisky & Rum da cui ci aspettavamo delle particolari Edizioni limitate dedicate al proprio anniverario. Purtroppo subito delusi, in quanto ci è sembrata davvero modesta (e siamo stati gentili in onore dei vecchi tempi) la serie di Whisky fatta uscire appena una settimana fa per festeggiare questa ricorrenza, quasi tutti imbottigliamenti mediocri provenienti da distillerie non proprio blasonate – Eppure le Botti Buone, anzi eccezionali, le hanno a giudicare i tantissimi imbottigliamenti davvero notevoli che fanno uscire per la serie Privata (Small Batch) che vendono direttamente ai consumatori (ma con quella probabilmente ci guadagnano il doppio/triplo…..). Se neanche per una ricorrenza come il 175° anniversario sentono il bisogno di far uscire qualcosa di “notevole” vuol dire che ormai il grandissimo Rispetto che abbiamo sempre nutrito per questo Storico Selezionatore è arrivato al capolinea (minimi storici).

70° Anniversrio della Velier & 70° Anniversario della Ferrari (incredibile è…. penso che entrambe le aziende non abbiano bisogno di presentazioni) – ci siamo anche permessi di segnalare questa rara coincidenza ad entrambi, suggerendo di realizzare un imbottigliamento commemorativo che li rappresentasse. Proprio ieri eravamo in giro nel Modenese a Valutare una bellissima collezione (mamma che roba nei prox giorni metteremo le foto) ed il proprietario, vecchia conoscenza di Enzo Ferrari quando era in vita, ci raccontava che per il 40/50° anniversario della Ferrari il buon Enzo era solito  far realizzare degli Imbottigliamenti Commemorativi di Lambrusco da regalare ai dipendenti & amici (quelli erano altri tempi, oggi dove l’immagine conta molto di più si potrebbe passare dal Lambrusco al Rum)

15° anniversario del Rum Millionario  – questo in verietà lo riportiamo solo a titolo statistico, a parte per il Brand per cui è sicuramente un notevole traguardo, non crediamo sarà un Evento che scalderà i cuori di molti appassionati di Rum – Ma ci auguriamo/aspettiamo di essere smentiti.

Ma, passando di “Palo in Frasca” 8come si dice qui in Val di Chiana), in queste sere, per via di un altro Anniversario,  ci siamo ritrovati a guardare la TV come non facevamo da tempo. Sul Canale 22 (IRIS) da Sabato è partita una Rassegna che vuole ricordare il 40° Anniversario del Movimento del 77. IRIS PRESENTA "BLACK OUT": CICLO DI CINQUE SERATE CONSECUTIVE DEDICATE AI MIGLIORI FILM SUGLI ANNI SETTANTA E DINTORNI

Domenica sera hanno trasmesso prima il Film dedicato alla Storia di Radio Alice (un Film davvero ben fatto che, nella sua semplicità, riesce a trasmettere molte delle emozioni e dei vissuto di quel periodo) a cui è seguito il Documentario Originale con Immagine d’epoca girato dal Gruppo di persone che ha ideato la Storica Radio Bolognese.

Ieri sera invece hanno mandato un doppio Film con Scamarcio Protagonista. Prima “Mio Fratello è Figlio Unico” (filmettino da serata su RAI2 in verità, simpatico ma un tantino troppo sentimentale) e poi “La Prima Linea” in cui sempre Scamarcio interpreta Sergio Segio militante del Gruppo Prima Linea. Tentativo lodevole visto che si ispirava al libro “Miccia Corta” scritto proprio da Segio, il film però, anche se non ci è dispiaciuto, non ha suscitato in noi particolari emozioni. Purtroppo non riesce a raccontare con la dovuta forza (anche se ci ha provato) gli ultimi colpi di coda del Terrorismo Rosso di quegli anni in cui sembrava che le BR e Prima Linea avessero ingaggiato una “competizione a chi uccideva più persone” (un modo allucinante per dimostrare chi era il gruppo più forte). Delirio & Follia allo Stato Puro che avrebbero solo contribuito a distruggere quello che di buono restava di quella grande stagione di impegno & conquiste. Dopo i 2 Film però (a notte fonda) è stato trasmesso il Documentario Originale (solo immagini d’epoca e senza censure) del “Festival del Proleteriato Giovanile del 1976” (il celebre “Parco Lambro”). Uno Documentato davvero bellissimo, raro da vedere in TV, girato durante il grande evento del Parco Lambro nel Giugno 1976 a Milano.Primalinea-Scamarcio

Questa sera, Martedì, danno il Film che narra il Rapimento di Aldo Moro (quello con Michele Placido), seguito dal Film che racconta della Strage di Bologna (2 Agosto i Giorni della Collera). A cui farà seguito (sempre a notte fonda) un altro Raro Documentario, “Pagherete Caro, Pagherete Tutto” girato dai Collettivi dell’epoca nel 1975 nelle Strade di Milano”. Altro documento storico, senza censure e molto difficile da vedere che però contiene immagini davvero forti che ben descrivono il clima arroventato di quegli anni nelle strade della capitale economica del paese.

Nella prossime serate seguiranno ancora altri Film dedicato al tema che ora non stiamo qui a raccontare…….

logoIn verità secondo noi c’è un altro Anniversario davvero molto importante da ricordare in questo 2017, il 50° Anniversario della “Summer of Love“, la celebre Estate dell’Amore del 1967 in California, la “Scintilla” da cui nacquero i Movimenti di Protesta alla Guerra in Vietnam negli USA che poi avrebbero incendiato i giovani di tutto il Mondo gettando le basi per il 68 e per la ControCultura Europea. Il crogiolo di un intero decennio preda delle passioni più intense da cui si nutrì e crebbe anche il Movimento del 77 in Italia.

Avevamo preparato un gran bell’evento dedicato al mondo del rum che avevamo deciso di chiamare “Summer of Rum” proprio in omaggio al 50° Anniversario della Summer of Love, infatti sia i manifesti che le etichette delle bottiglie realizzate per questo speciale evento riprendevano le immagini più celebri dell’Estate dell’Amore.

Delle volte è davvero difficile pensare quanto è cambiata la nostra società in questi pochi decenni. i giovani di oggi non si ricordano ( o proprio non sanno) che buona parte del benessere di cui godono è frutto di quegli anni di lotte, scontri e conquiste sociali. C’è una Frase che ci ha colpito tra le tante sentite nel Documentario su Radio Alice “Oggi che viviamo nell’era della Comunicazione Digitale una persona pensa di contare qualcosa soltanto perchè scrive, in verità soltanto chi ha qualcosa da dire, quindi che riempe di contenuti quello che scrive conta davvero, tutti gli altri non contano un cazzo” (Franco Berardi “Bifo”).

7e437c55283c26a7a58d6f0b04a42809

10 Anni…

Posted: 2nd marzo 2017 by adminspirito in VARIE
Tags:

Salve

10 anni definitivo rosso 3DOggi, 2 Marzo 2017, sono 10 anni esatti che abbiamo aperto il nostro piccolo Spirit Shop, Le Carovaniere, in una graziosa piazzetta del centro Storico di Arezzo. 10 anni possono sembrare tanti così come possono semprare pochi, di sicuro possiamo tranquillamente ammettere quante cose sono cambiate durante un solo Decennio in questo settore.

Mi ricordo dell’industria del Whisky in piena crisi, i magazzini erano pieni di barili e a qualunque persona del settore ti rivolgevi per acquistare una botte questa ti stendeva davanti il tappeto rosso. I nostri fornitori ci lodavano di continuo per il tipo di attività che avevamo scelto e non facevano uscire un nuovo imbottigliamento senza ricordarsi di avvertirci. Mi Ricordo del Peaty Five (un Ottimo Lagavulin di 5/6 yo) che vendevamo a 23,50 euro e le Release Annuale di Port Ellen a 165 euro. Gli Under 35 appassionati di whisky in giro erano davvero pochissimi e gli appuntamenti ad esso dedicato per lo Stivale ancora meno. Il Whisky Festival di Milano  aveva appena partorito la 1° Edizione e da li a poco sarebbero venuti fuori i primi Blogger (ILoveLaphroaig e Angelshare).

Il Rum era ancora un “prodotto indefinito”, snobbato dai Cultori del Malto (che lo ritenevano un distillato di Serie B), i suoi estimatori erano ancora meno del whisky, ma quasi tutti giovanissimi e pieni di energia. I celebri Demerara Velier, apparsi sul mercato proprio quando noi abbiamo aperto, impiegavano molto tempo per essere venduti (mi ricordo che gli Skeldon restarono disponibili per circa 3/4 anni prima di terminare sul catalogo dell’azienda Genovese che li aveva fatti imbottigliare, oggi durerebbero 3/4 giorni al massimo). Anche la serie Caroni fu messa sul mercato quando eravamo agli inizi  e mi ricordo che i primi imbottigliamenti (anni 80) si vendevano a circa 50/60 euro la bottiglia. Reperire informazioni sul mondo del Rum era davvero difficile e per assistere ad un incontro di formazione decente (assieme a pochi altri Pasdaran) facevamo anche centinaia di KM.

Il Cognac/Armagnac/Calvados aveva sempre la sua nicchia di estimatori e tutto sommato si difendeva bene (i Francesi sono sempre stati Bravissimi a Vendersi, a loro la crisi gli faceva un baffo).

Di Gin in circolazione se ne trovano al maximo 6/7 marche e raramente il loro prezzo superava i 15/20 euro a bottiglia (avevamo il Gin di Vallombrosa in bottiglia da Litro in vendita a 17 euro). Se volevi farti un Gin Tonic come acqua tonica nel migliore dei casi finivi per usare la Schweppes.

Di Tequila & Mezcal se ne trovava ancora meno (con il rischio di scoprire prodotti di mediocre qualità) e la Cachaca poi……… che cavolo era la Cachaca?!?

Il Vermut era ormai un prodotto in via di estinzione (anzi non si chiamava più neanche Vermut perchè “faceva vecchio”, meglio identificarlo con il Marchio dell’Azienda che lo produceva) e i pochi Veri Amari ancora in circolazione subivano i colpi del duopolio Averna/Montenegro senza riuscire a trovare la forza di reagire.

Se ti presentavi ad un colloquio di lavoro per un posto da BarMan con quella “Barba & Baffoni” che tanto va di moda oggi venivi allontanato ben prima che tu potessi agitare lo Shaker.

E si, dobbiamo proprio ammettere che in questi 10 Anni tante cose sono cambiate (alcune in meglio, altre in peggio).

Sapendo che il traquardo si stava avvicinando ci siamo messi alla ricerca di qualcosa di speciale da far imbottigliare per realizzare delle Edizioni Limitate Commemorative. Siccome immaginavamo che con i Whisky sarebbe stato molto difficile “fare centro” (riuscire a trovare qualcosa di Qualità & Blasone) abbiamo sondato l’ambiente delle Spirito dei Caraibi. Anche qui in verità di cose davvero eccezionali ne abbiamo trovate ben poche (i soliti Demerara/Jamaica 10/12 yo, Panama, Nicaragua, ecc…) ed anche rivolgendosi alle aziende che lavorano nel settore non ne abbiamo ricavato un granchè purtroppo (una delle cose che è sicuramente cambiata in questi 10 anni è l’atteggiamento delle Aziende verso i loro Clienti Italiani, con al motto di “Soldi Pochi – Privilegi Pochi”, si Riserva quasi tutto il meglio per i Mercati dove il Denaro viaggia ancora come un GP di Formula1, poco importa se fino a 10 anni fa i clienti Italiani erano la “ancora di salvezza” del settore). Nel migliore dei casi il Buon Ferdinando Fiori di High Spirits ci aveva trovato delle Botti di Whisky 21yo ma erano tutte di Distillerie Poco “Blasonate” (che non incontravano il nostro gusto personale) e a noi non interessava fare una cosa tanto per fare, quindi abbiamo preferito lasciar perdere (il whisky). Stavamo quasi per gettare la spugna quando è arrivato il classico “colpo di culo” (che a noi piace immaginare fosse un “si raccoglie quello che si semina” travestito). Un nostro lettore che non avevamo mai avuto il piacere di conoscere ci contatta perchè ha delle botti di Rum & Whisky acquistate molti anni fa e lasciate ad invecchiare nei magazzini in EU. Le Voleva vendere e/o far imbottigliare e con nostra grande sorpresa scopriamo che, per quanto riguarda il rum, trattasi di Jamaica del 1986, quindi del fantastico Rum Jamaicano di ben 30yo di invecchiamento. Vi tralascio i particolari del caso ed iniziamo subito ad occuparci della cosa, di botti in questione ne aveva ben 4 e quindi abbiamo avuto anche il privilegio di scegliere quella che ci piaceva di più. Avessimo avuto più soldi in cassa le avremmo anche prese tutte e 4 (tutto sommato il prezzo richiesto, visto quello che sta succedendo in giro ci è subito sembrato molto onesto) ma noi eravamo già molto contenti così.

Quindi tra un pò di tempo vareremo il nostro Primo Imbottigliamento per Festeggiare degnamente il 10° Anniversario dello Spirit Shop Le Carovaniere, le classiche “Nozze di Stagno”.  Forzando i tempi potevamo avere le bottiglie per Maggio/Giugno ma non volevamo metterle sul mercato in estate e non volevamo neanche iniziare a venderle appena imbottigliate (Silvano Samaroli ci ha insegnato che il Rum, appena esce della botte per entrare in bottiglia, subisce una specie di Shock ed ha bisogno di almeno 6 mesi di riposo per ritornare al suo equlibrio naturale) e quindi abbiamo preso la decisione di farle uscire in Autunno. Ci piacerebbe realizzare una serie e non un solo Imbottigliamento ma sarà difficile che altre “botte di fortuna” bussino alla nostra porta. L’anno scorso ci proposero del Demerara Port Mourant 1975 (cioè di 40/41yo) ma il prezzo richiesto era davvero proibitivo ed a nostro malincuore abbiamo dovuto rinunciare.

Comunque teniamo sempre occhi & orecchie ben aperti e se ci capita qualcosaltro di davvero interessante non ci tiriamo di certo indietro………del resto il 2017 è appena iniziato.

10anniversary

VACANZE ROMANE….

Posted: 1st marzo 2017 by adminspirito in WHISKY

Salve

Questo finesettimana a Roma “il Classico” (appuntamento dedicato al Mondo del whisky)

Sesta edizione di Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival: appuntamento per appassionati, neofiti e professionisti del whisky con eventi, degustazioni, masterclass, seminari sulla mixology, ospiti internazionali, cocktail bar, tornei tra bartender, area gourmet e tanto altro.  Si tiene a Roma, sabato 4 e domenica 5 marzo 2017, presso il Salone delle Fontane all’Eur (via Ciro il Grande, 10). Programma completo al link www.spiritofscotland.it

Imperdibile appuntamento per tutti coloro che vivono il mondo del whisky, Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival è un momento ricco di eventi, degustazioni, masterclass, seminari sulla mixology, incontri affidati ad esperti del settore con l’obiettivo di creare appuntamenti ad alto contenuto di “single malt”.

All’interno del salone sarà allestito uno spazio dedicato alle bottiglie vintage e rare portate da un collezionista e amatore del settore che ha lavorato anche a Londra per Whisky Auction. In occasione del Festival verrà presentato come ogni anno il nuovo imbottigliamento ufficiale in serie limitata, di Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival, che sarà naturalmente in vendita presso lo shop. Numerosissime sono le Masterclass e gli Incontri Monotematici dedicati alle singole distillerie. Così come gli incontri di conoscenza per iniziare a capire il mondo del whisky (l’ABC insomma)

Che voi siate Superesperti o Neofiti alle prime armi allo Spirit of Scotland di Roma troverete di sicuro l’appuntamento a voi dedicato per approfondire l’argomento whisky declinato nei modi più diversi e immaginabili.

Buon Divertimento!!

locandina-Spirit-of-Scotland-Rome-Whisky-Festival-2017-1

Casse di Rum, altro che Diamanti & Oro….

Posted: 24th febbraio 2017 by adminspirito in VARIE

Salve

Oggi abbiamo ritrovato questo vecchio Listino di Rum datato 1998 che vi invitiamo a leggere con attenzione (qua sotto). Trattasi del Listino di Vendita di uno dei tanti Broker in UK specializzati nella importazione ed affinamento di Botti di Rum che oggi non esiste più (abbiamo omesso la parte dell’intestazione Aziendale perchè tanto il nome non è importante al senso del discorso). Imbottigliava il rum e poi lo vendeva a Casse a chi ne aveva Bisogno (mettendoci sopra una Etichetta Personalizzata) infatti molte delle Bottiglie degli importatori Italiani dell’epoca venivano dai suoi magazzini. I prezzi come potete vedere sono riferiti a “casse” (cioè a Cartoni da 6 o da 12 Bottiglie) ed in Sterline.

Prendiamone qualcuno nel dettaglio:

– Una Cassa da 12 Bottiglie di Port Mourant 22yo (1964) a 200 Sterline a cassa da 12 (cioè a 19/20 euro a Bottiglia)

– Una cassa da 12 Bottiglie di West Indies 53yo (1940) a 1400 Sterline a Cassa (cioè a 125/130 Euro a Bottiglia)

– Una cassa da 12 Bottiglie di Rockley Still 10yo (quello del 1986) a 105 Sterline a cassa (cioè a 9/10 euro a bottiglia)

Divertitevi voi a proseguire nella lettura……… E non pensate che tutto questo sia dovuto al fatto che sono passati quasi 20 anni da quel Listino perchè in verità le cose sono rimaste praticamente inalterate fino a 6/7 anni fa. Noi siamo stati tra i Primi a collezionare Rum e ci ricordiamo bene degli articoli che scrivevamo (sono tutti su questo Blog) per invitare altri a farlo.

In verità ci eravamo formati nel mondo del Whisky, solo che questo stava cambiando repentinamente e quindi trovavamo sempre meno piacevole seguirlo con la stessa passione. Il rum invece era ancora un territorio completamente inesplorato e ci si potevano togliere davvero grandi soddisfazioni.

Saremmo degli ipocriti se ci lamentassimo di questo dal punto di vista commerciale, proprio perchè avendo iniziato in tempi non sospetti, se volessimo, oggi, potremmo permetterci di rivendere bottiglie che abbiamo acquistato quasi per niente a cifre davvero notevoli ma non è questo il punto.

Ci eravamo allontanati dal whisky proprio per il fatto che i prezzi erano iniziati a salire vertiginosamente, portando a perdere/smarrire una “parte ludica” e piacevole di questo mondo. In pochissimo tempo si è perso quel sano consumo che ci piace chiamare “nazional/popolare” in cui le bottiglie venivano acquistate per essere aperte e degustate a casse (da soli, in casa, tra amici, al bar, ecc…)oltre che ad essere collezionate. Se oggi in Italia si possono trovare così tante collezioni/bottiglie di whisky è perchè un tempo queste erano acquistate/consumate in gran quantità e soprattutte vendute ad un prezzo accessibile a tutti. Possiamo ormai dire che da 2/3 anni anche il mondo del Rum si è allineato a quello del whisky. Non solo l’avvento del Web ha portato a farlo crescere a dismisura e quasi tutti, appassionati e non, si sono buttati nella mischia in quanto hanno iniziato a girare parecchi soldi nel settore, forse troppi soldi.

Ormai certe bottiglie vanno Sold Out dopo 48 ore che sono uscite sul mercato perchè tutti ne fanno incetta nella speranza di poterle rivenderle dopo qualche settimana a 4/5 volte il loro prezzo di uscita. Molti commercianti (Enoteche/Ristoranti) le comprano e le nascondono, in attesa di tempi migliori (per la vendita) ed i Privati fanno altrettanto purtroppo. Non voglio giudicare la moralità di tutto questo, non me lo sognerei neanche (ognuno fa quello che vuole), semplicemente mi lamento del fatto che quasi più nessuno le consuma queste benedette bottiglie. Al massimo ci si limitata ad acquistare/scambiare un “samplerino” per togliersi lo sfizio di un assaggino. Ma una bottiglia deve essere aperta, deve essere assaggiate 1, 2, 3, 5 volte, in momenti diversi, in occasioni diverse, per coglierne l’essenza e l’anima, altrimenti diventa una mera&pura discussione accademica. E non può essere che una bottiglia di qualità eccezionale non venga quasi mai aperta (proprio perchè essendo di qualità riconosciuta il suo prezzo è salito alle stelle), perdonate ma questo ci sembra proprio un Controsenso Gigante.

Prendiamo come esempio il Foursquare uscito questa estate, dopo 48 ore dalla sua messa in commercio era già introvabile ed in giro si vedavano bottiglie in vendita a 400/500 euro. Oggi se ne trovano a decine ancora in vendita sui soliti canali (passata la paura che si fosse “estinto” il prezzo si è un pò abbassato ma non troppo) perchè in tanti ne avevano fatto incetta x poterle rivendere ad un prezzo molto più alto. In Enoteca ne avevamo ancora qualche bottiglia in vendita a poco più di 100 euro come possono testimoniare alcune persone di Viterbo che sono passate da noi la scorsa settimana (e che le volevano comprare tutte, ma abbiamo proseguite nella nostra strada del “1 Bottiglia a Testa”, cercando di darla a chi ci dice che la prende x aprila).

Si potrebbe pensare che tutto questo è vittima dalla Mania del Momento e della Confusione che vi regna attorno, ma sarebbe un analisi superficiale perchè anche tra molti professionisti le cose non sono affatto diverse: se prendiamo uno degli Ultimi Caroni Single Barrel usciti per “Conto Terzi” si potrà vedere che è stato messo in vendita subito a più di 600 euro (circa 10 volte il suo prezzo), giocando sul fatto che qualunque collezionista di Caroni ne avrebbe per forza di cose acquistata almeno una bottiglia per completare la serie, a qualunque prezzo.

E mi fermo qui perchè si potrebbe discutere di tante cose che abbiamo visto succedere negli ultimi tempi (ma finirebbe che ci beccheremmo pure qualche querela quindi meglio tacere per una volta)

Certo che a ri-guardare ora quel Listino qua sotto vengono alla mente strani pensieri………. Provate a cercare qualcuna delle Bottiglie del Barbados West Indies 1940 (53yo) che sono presenti in quella lista, voglio vedere quante ne troverete (noi non ne abbiamo mai vista neanche 1 negli ultimi anni). Questo perchè quasi sicuramente il 95% di quelle bottiglie sono state saggiamente Aperte & Degustate in quanto il suo prezzo normale (e alla portata di tutte le tasche) lo permetteva. Voglio vedere tra 15 anni quante bottiglie del Jamaica 50yo di Appleton saranno ancora in circolazione e quante saranno state aperte.

Come abbiamo detto sopra non vogliamo giudicare nessuno, perchè è giusto che ognuno in fondo faccia quello che gli pare nei limiti del possibile (ma però, proprio per lo stesso motivo, ci riserviamo il diritto di critica), ma c’è un pensiero che ci frulla in testa:

Non è che ora stiamo correndo il rischio di perdere la parte più ludica e piacevole di questo mondo ???

Di sicuro, buona parte di questi prodotti, da “Popolari” stanno diventando sempre più “dell’ Elite” e questo credo che nessuno lo possa negare. Non sappiamo come evolverà la cosa, del resto noi abbiamo sempre avuto il particolare difetto di “mirare lo sguardo” più al passato che al futuro (siamo degli stupidi nostalgici o degli inguaribili romantici, ancora non lo abbiamo capito e probabilmente non lo capiremo mai), altrimenti avremmo fatto scorta per tempo di un bel pò di casse qua sotto.

listino rum

 

MILANO 25 FEBBRAIO

Posted: 23rd febbraio 2017 by adminspirito in VARIE

Image

MILANO GIN FESTIVAL (WHITE SPIRITS) & COCKTAIL SHOW 2017

Hotel Marriott – Via Washington 66 – Milano

25 Febbraio 2017 (Ore 15.00 – 24.00)

Il 25 Febbraio nella ormai collaudata sede dell’Hotel Marriott a Milano (già sede da 11 anni del Milano Whisky Festival), si terrà la seconda edizione della più importante manifestazione dedicata ai distillati bianchi e alla loro miscelazione.

All’interno dell’ampia sala di oltre 800 mq. il pubblico potrà degustare sia in purezza che in miscelazione i distillati bianchi, ormai sempre più “protagonisti” del mercato Premium e della miscelazione di tendenza.

La formula è quella collaudata del Milano Whisky Festival, il visitatore sarà dotato all’ingresso di un calice da degustazione e di un porta bicchiere (al costo di 5 euro), e potrà degustare i distillati ed i cocktail proposti dagli espositori.

INGRESSO GRATUITO previa registrazione in loco

 Sarà comunque possibile registrarsi direttamente all’ingresso il giorno dell’evento

Distillati presenti:

Gin, Vodka, Tequila, Cachaça, Mezcal, Grappa, distillati di frutta, Rum bianchi e White Rye & Grain

I distillati ed espositori provengono da tutto il mondo, gin da Inghilterra, Germania, Olanda, Irlanda, Spagna e le primizie dei gin italiani, distillati di frutta francesi e tedeschi, vodka da Norvegia, Stati Uniti, Ucraina e Russia, tequila e mezcal dal Messico, non mancheranno distillati cinesi e giapponesi, ed inoltre sotol, pisco, sidro e cachaça.

Grande novità di quest’anno la presenza di ben 4 cocktail bar, tra i più rinomati d’Italia, i quattro cocktail bar saranno “tematici”, dedicati ai 4 grandi distillati bianchi da miscelazione

CASA MIA COCKTAIL BAR – Milano (RUM & CACHACA)

TWIST ON CLASSIC – Milano (GIN)

INSIDE RESTAURANT & COCKTAIL BAR – Torino (TEQUILA)

WHITE OSTUNI TITO SCHIPA – Ostuni (VODKA)

 

Seminari GRATUITI (Registrazione on line)

Ore 14.30 – WILD SUGAR CANE SPIRITS by Daniele Biondi

Ore 15.45 – GIN012 DIETRO LE QUINTE by Gin012

Ore 17.00 – GIN THERAPY by Enrico Magnani

Gli espositori venderanno direttamente in loco i loro prodotti.

INGRESSO VIETATO AI MINORI di 18 anni.

Per maggiori informazioni: WHITEFESTIVAL.IT