THE NEWS RUM by HIGH SPIRITS

Posted: 24th giugno 2017 by adminspirito in E-SHOOP, RUM
Tags: ,

Salve

Presentiamo in anteprima la Nuova Selezione di Rum per High Spirits, che porta il nome di “I Tucani“. Siamo molto contenti di annunciare l’uscita di questa nuova serie per il 2017 che ci ha visto protagonisti, in quanto, su richiesta di Ferdinando Fiori, storico patron di High Spirits, abbiamo contribuito a selezionare i campioni delle varie botti di Rum che poi sono stati scelti per essere imbottigliati. Ferdinado “Nadi” Fiori, storico imbottigliatore indipendente, è dagli Anni80 che seleziona botti di whisky, il suo grande amore/passione, di cui conosce praticamente ogni peculariatà & segreto. Quest’anno ci ha chiesto di provare assieme a lui i campioni per contribuire alla selezione delle botti di rum perchè voleva anche l’opinione di qualcuno più giovane che seguisse il mondo del rum con la stessa dedizione con cui lui segue quello del whisky (non che ne avesse bisogno, anzi siamo noi che abbiamo tutto da imparare da una persona come lui che da oltre 30 svolge questo lavoro, ma comunque è stata una esperienza gratificante).

Ma veniamo alle proposte di questa serie, I Tucani :

GUYANA RUM : Dalla Guyana Britannica abbiamo selezionato 2 Barili, uno di Diamond che negli ultimi anni sta sfornando dei rum davvero notevoli ed un altro di Uitvlugt, probabilmente il Rum più Morbido prodotto in questo lembo di America. Ogni singola Botte è stata suddivisa per metà in Bottiglie da 70cl ed in Magnum da 150cl lasciate alla Gradazione Naturale (Full Prof) e per l’altra metà in Bottiglie ridotte di grado a 46%. Molto belle e curate sono le Etichette e le Scatole di questa serie, con immagini/colori davvero accattivanti che richiamano perfettamente lo stile & lo spirito dei Caraibi. Ottime anche per un Regalo di Prestigio!!

  • Diamond Distillery 2005 di 11 anni a 57,1% (Full Prof) a € 80
  • Diamond Distillery 2005 di 11 anni a 57,1% (Full Prof) in Magnum da 150cl a € 168
  • Diamond Distillery 2005 di 11 anni a 46% a € 59

 

  • Uitvlugt Distillery 1998 di 18 anni a 58% (Full Prof) nelle Vecchie bottiglie da 75cl a € 118
  • Uitvlugt Distillery 1998 di 18 anni a 58% in Magnum da 150cl (Full Prof) a € 235
  • Uitvlugt Distillery 1998 di 18 anni a 46% a € 88

BARBADOS RUM : Da Barbados invece un barile di 16yo prodotto dalla West Indies Distillery, la storica distilleria situata praticamente su una delle spiagge più belle dell’isola caraibica. Ogni singola Botte è stata suddivisa per metà in Bottiglie da 70cl ed in Magnum da 150cl lasciate alla Gradazione Naturale (Full Prof) e per l’altra metà in Bottiglie ridotte di grado a 46%

  • West Indies Distillery 2000 di 16 anni a 52,9% (Full Prof) a € 94
  • West Idies Distillery 2000 di 16 anni a 52,9% (Full Prof) in Magnum da 150cl a € 196
  • West Indies Distillery 2000 di 16 anni a 46%vol a € 79

JAMAICA RUM : Dalla Jamaica invece arriva quest’altro barile, distillato alla Worthy Park Distillery, un rum giovane ma davvero notevole e dal grande equilibrio. Ogni singola Botte è stata suddivisa per metà in Bottiglie da 70cl ed in Magnum da 150cl lasciate alla Gradazione Naturale (Full Prof) e per l’altra metà in Bottiglie ridotte di grado a 46%

  • Worthy Park Distillery 2007 di 9 anni a 55,9% (Full Prof) a € 72
  • Worthy Park Distillery 2007 di 9 anni a 55,9% (Full Prof) in Magnum da 150cl a € 150
  • Worthy Park Distillery 2007 di 9 anni a 46%vol a € 58

TRINIDAD RUM : Se si parla di Trinidad si finisce sempre sul Caroni. Ecco un 18yo davvero interessante. Ogni singola Botte è stata suddivisa per metà in Bottiglie da 70cl ed in Magnum da 150cl in Bottiglie ridotte di grado a 46%

  • CARONI 1998 di 18 anni a 46%vol a € 88
  • CARONI 1998 di 18 anni a 46%volin Magnum da 150cl a € 184

TUTTE LE BOTTIGLIE SONO in VENDITA “EN PRIMEUR” per le prossime 72 ore ad un Prezzo Davvero eccezionale (fa fede l’orario di pubblicazione di questo articolo, 11.30). Contatteci in Privato per Maggiori Informazioni. Le Magnum in particolare ne sono rimaste davvero poche e già in via di esaurimento.

Salve

Se avevate in mente questo WE di fare un salto da qualche parte vi segnaliamo il seguente appuntamento : 52° Sagra del Pesce (di Lago) a Borghetto sul Trasimeno. L’Umbria non gode dello stesso appeal della Toscana ma vi possiamo asssicurare che non ha niente da invidiare alla sua vicina più celebre ed in particolare la zona del Lago Trasimeno.

Borghetto è una piccola Frazione di Tuoro sul Trasimeno e fino agli Anni 60/70 la metà dei suoi abitanti Vivevano della Pesca (e del suo indotto) effettuata nelle acque del Lago Trasimeno. Fu negli anni 60 che alcuni Abitanti decisero di Organizzare una Sagra per festeggiare questa loro antica tradizione e nacque la Sagra del Pesce di Borghetto arrivata oggi alla sua 52° Edizione.

TEGAMACCIO alla BORGHIGIANA

In tutti questi anni ha sempre mantenuto il suo carattere di Autentica Sagra Paesana senza mai scadere, come per molte altre realtà simili, nella mera operazione commerciale/marketing territoriale.

E’ solo in questi 3 giorni che i Visitatori possono degustare le antiche specialità del luogo, ricette tramandate di famiglia in famiglia da centinaia di anni (e ancora oggi Preparate & Cucinate dalle Signore del Paese), alcuni delle quali praticamente introvabili anche nei migliori ristoranti sul Trasimeno, piatti come :

  • Gnocchetti alla Tinca Affumicata
  • Regina cotta su Forno a Legna
  • Tegamaccio alla Borghigiana
  • Spaghetti alla Trasimena
  • ecc…, ecc…..

Nelle stesso WE (24/25 Giugno) sull’Isola Maggiore che si erge al centro del Lago Trasimeno ci sarà anche “Moon in June” con due eventi unici ed irripetibili aventi come sfondo il magnifico scenario del tramonto sul lago. Nella splendida cornice del lago umbro e dopo la prestigiosa direzione artistica di Vinicio Capossela nel 2015 e l’omaggio a Robert Wyatt nel 2016, ‘Moon in june’ porterà ancora note e musica di qualità. In passato qui hanno suonato Vinicio Capossela, Gary Lucas, Cristina Donà, Brunori Sas, Giovanni Guidi. Quest’anno invece, in due giorni, si passerà dall’improvvisazione libera e dal jazz contemporaneo di Bugge Wesseltoft (pianista e compositore norvegese che sarà ospite, in unica data italiana) al personale omaggio a Luigi Tenco di Morgan, voce e piano, per il cinquantenario della morte.

In pratica Cibo per il Corpo e Cibo per l’Anima in uno Scenaria davvero bellissimo e ancora non contaminato da un Turismo di Massa!!

L’ UNICUM di BARBADOS

Posted: 22nd giugno 2017 by adminspirito in RUM
Tags: ,

Salve

Perdonateci il titolo, forse il gioco di parole con l’intestazione dell’articolo precedente (Trittico – Unico) non è riuscito proprio molto bene. Detto questo, ieri sera abbiamo finalmente aperto una bottiglia dell’ autentico rum prodotto alla St. Nicholas Abbey di Barbados. In verità il rum di questo marchio è presente sul mercato da almeno 4/5 anni ma come molti ormai sanno trattasi in realtà di Foursquare che è stato acquistato per l’invecchiamento dai titolari della StNA in attesa che il rum da loro prodotto fosse pronto.

St. Nicholas Abbey rappresenta praticamente la storia della produzione di Zucchero & Rum a Barbados oltre al fatto che rimane una delle realtà più belle di tutta l’isola. Sui documenti storici le prime tracce dell’esistenza della StNA sono riconducibili al 1720, quando fu recensito il suo mulino per la lavorazione della canna da zucchero (all’epoca sull’isola se ne contavano circa 800). Verso la metà del 700 l’azienda fu venduta e passò sotto il controlo di Sir Jhon Gay Alleine che in precedenza aveva gestito la Mount Gilboa Plantation (in suo onore il rum qui prodotto sarebbe stato ribattezzato Mount Gay). Fu proprio sotto la sua gestione ed in base all’esperienza accomulata nel precedente incarico che migliorò notevolmente il processo di distillazione e fu introdotto la produzione di rum da melassa (in precedenza si usava direttamente il succo della canna). Nella seconda metà dell’800 a seguito della Rivoluzione Industriale furono modificati parte dei macchinari e si passò ad un Mulino a Vapore che poteva garantire un deciso aumento della produzione rispetto ai vecchi Mulini. In questo periodo i prodotti di St NA godevano di grandissima popolarità per via della loro ottima reputazione qualitativa. Il 900 non portò altrettanta fortuna alla St NA (stessa sorte toccò la gran parte delle realtà presenti sull’isola) e subito dopo la 2° Guerra Mondiale la Piantagione fu definitivamente chiusa.

Fu negli anni 80 che, visto la bellezza del sito e quello che rappresentava a livello storico, si pensò di iniziare a restaurare St NA per farlo diventare una specie di museo della tradizione di Barbados (Zucchero & Rum). Probabilmente una cosa deve aver tirato l’altra e nel giro di un ventennio si è pensato di rimettere in funzione la vecchia Piantagione & Distilleria.

L’idea che ha visto crescere il progetto è quella di produrre il Rum così come veniva Distillato a Barbados 300 anni fa, partendo direttamente dal succo di Canna fermentato (non sappiamo se questa modalità è rimasta l’unica, noi lo avremmo prodotto da entrambe le materie prime, succo di canna & melassa). Per la Distillazione è stato fatto costruire un apposito alambicco Pot Still con Colonna battezzato “Annabelle” a cui si chiede di produrre del Rhum Ligth per l’invecchiamento.  Produce Rum a 92% che poi viene portato a 65% (con l’aggiunta di acqua) e messo in botte (ex-bourbon) per l’invecchiamento. Non siamo degli storici ma penso che 300 anni fa non si facesse così, visto che le botti avevano un costo, presumiamo che il rum venisse messo a dimore alla sua massima gradazione (per non dover acquistare più botti del dovuto e per non dover costruire magazzini più grandi per stoccarle); ma questo è solo un ragionamento logico, non suffragato da documentazione appropiata.

Per tornare al nostro rum, pochi mesi fa è stato messo in commercio il loro primo imbottigliamento ufficiale, un 5yo interamente prodotto ed invecchiato alla St Nicholas Abbey di Barbados. E’ arrivato il momento di assaggiarlo :

Il Colore è molto chiaro ma del resto pensiamo sia normale per un 5yo che non dovrebbe aver subito colorazioni extra con caramello o affini. Al Naso si presenta mediamente delicato mentre ci colpisce l’intensità e la particolarità degli aromi, prima Marmellata di Castagne, poi Frutta Tropicale ed infine Anice Stellato. Non molto potente ma di grande equilibrio. In Bocca non si discosta molto da quello che avevamo sentito al naso, qui ci colpisce la decisa nota speziata (piccante) che però non prende mai il sopravvento sul resto. Piacevole ed appagante, davvero diverso da tutti gli altri Rum prodotti sull’Isola. Il Finale lascia sul palato una gradevole sensazione zuccherina. Che Dire ?!? Il rum è davvero molto ben fatto, molto equilibrato e complesso, con una propria e decisa personalità. Non è un Rum “potente” e quando pensiamo agli spiriti prodotti 300 anni fa ci aspettiamo qualcosa di diverso ma del resto è solo immaginazione, nessuno è in grado di dire se il prodotto in questione ha centrato l’obbiettivo (quello di produrre l’autentico rum di Barbados come 3 secoli fa). Sicuramente dimostra grandi potenzialità per i medi/lunghi invecchiamenti.

Unica nota stonata secondo noi è il Prezzo. Vero che dietro c’è un grande lavoro di artigianalità, vero che la qualità si paga, vero che la bottiglia è molto bella & ricercata, ma secondo noi circa € 100 a boccia sono un tantino troppi.

Sicuramente sono state investiti notevoli capitali per restaurare la tenuta e rimettere in funzione la Distilleria, mentre si è voluto da subito presentarsi con un prodotto molto ricercato e dalla produzione limitata, offrendosi ad un pubblico di consumatori di medio/alto livello. Vedremo come saranno (e a quali prezzi) i futuri imbottigliamenti ed anche come reagirà il mercato a questo prodotto. Noi non possiamo che ringraziare chi ha avuto questa bellissima idea. Per il Rum prodotto ma anche & soprattutto per aver riportato agli antichi fasti una delle tenute più belle dell’Isola.

Comunque vada, è già un successo!!

Il TRITTICO di BARBADOS

Posted: 21st giugno 2017 by adminspirito in RUM
Tags:

Salve

Ieri siamo rientrati da una breve vacanza di 1 settimana passata nella Casa che fu dei nostri Nonni in quel di Vasto (CH – tra l’altro abbiamo scoperto un vecchio liquore locale, il Corfinio, prodotto dalla metà dell’800 dalla Distilleria N°1 in Abruzzo, ne parleremo nei prox giorni) ed oggi al nostro rientro abbiamo trovato le bottiglie di Triptych ad attenderci.

Il “Trittico” (oltre un particolare tipo di quadro/opera d’arte in voga qualche secolo fa) è un Rum di Barbados prodotto alla Foursquare Distillery & Selezionato dal Team Velier (quindi un Blend di Pot Still & Continuos Still) di 3 Vintage Diversi e di 3 Invecchiamenti Diversi: 2004 ex-Bourbon, 2005 ex-Madeira, 2007 ex-Virgin (Legno Vergine), il tutto Assemblato & Imbottigliato alla fine del 2016. Non rammento bene le percentuali ma mi pare di ricordare che fosse netta la predominanza del Rum ex-Madeira.

Non abbiamo perso tempo e gli abbiamo subito “tirato il collo”, che secondo noi è sempre la migliore risposta alle polemiche che si levano tutte le volte che esce una bottiglia tanto attesa & ricercata …..

Al Naso si presenta intenso, aquilibrato, quasi perfetto. Colpiscono le note di Vernice che emergono sopra le altre, cosa che non ti aspetteresti da un rum di Barbados. In Bocca è subito gradevole, morbido e seducente. Anche qui un  Rum praticamente perfetto!! Il Finale è lungo e intenso e lascia piacevoli sensazioni sul palato. Che Dire !?! Saremmo curiosi di sapere quale tipo di Madeira era stato contenuto nella botte, azzardiamo dicendo “Malmsey”, visto il carattere davvero morbido del rum in questione. Che è un Rum praticamente perfetto lo abbiamo già detto 2 volte e quindi cosa altro potremmo aggiungere?!? Presto detto : Il Rum è davvero una incredibile espressione che rasenta la perfezione ma se proprio dobbiamo muovere una piccola critica in qualche direzione ci sembra che manchi di personalità. Mi spiego meglio : delle volte un piccolo difetto contribuisce a rendere eccezionale & irripetebile una determinata cosa (pensiamo al volto di una bella donna che con un naso aquilino raggiunge una bellezza davvero unica, straripante di personalità, eppure il naso in questione altro non è che un piccolo difetto). Questo Rum è davvero buonissimo e ben fatto (distillato, assemblato, costruito, ecc..) ma secondo il nostro personalissimo gusto non è in grado di suscitare grandissime emozioni. Delle volte qualche piccolo difetto finisce per contribuire a creare qualcosa di eccezionale, unico & irripetibile. I Rum di questa distilleria invece sono spesso troppo puliti, ben fatti, quasi perfetti e quindi non rappresentano degnamente il vecchio stile di Barbados che noi tanto amiamo (Old Barbados Style).

Dobbiamo ammettere che oggi dopo aver trascorso molte ore nel bicchiere il Rum ha avuto una specie di impennata di orgoglio (forse si è risentito di questo nostro articolo) ed ha tirato fuori maggiori “attributi”. Più deciso e mascolino rispetto a ieri sera, con quelle note tanniche/amarognole di sottofondo che a noi piacciono tanto.

Comunque è già una bottiglia da leggenda quindi la nostra opinione conta davvero poco…..

Per tornare a tutti quelli che ci hanno chiesto di acquistare una o più bottiglie :

Dall’azienda che lo commercializza ce ne sono state assegnate solo 6 bottiglie (un pò pochine per soddisfare le richieste che avevamo avuto) e se consideriamo che 1 la abbiamo aperta ed 1 la teniamo ce ne restavano davvero poche da vendere (e quelle poche hanno finito per accontentare appena il 20/25% di chi ne aveva fatto richiesta). Il prezzo di vendita è di 118 euro.

Però siamo riusciti ad averne un altra dozzina da un distributore che non è riuscito a piazzare la sua quota. Ovviamente non ci ha fatto solo un piacere e ci ha voluto guadagnare qualcosa quindi queste ci sono costate un pò di più. Per venire incontro alle tante richieste abbiamo pensato di aggiungere un Sampler alla bottiglia (in pratica acquisti 1 Bottiglia + 1 Sampler dello stesso Rum). Il prezzo è di € 150. Ovviamente diamo via solo 1 Bottiglia a persona quindi per cortesia evita richieste tipo 3/4/5 bottiglie. Contatteci via Mail e sarà l’ordine di arrivo (l’orario) a stabilire la priorità.

Un altro esempio di “Trittico” che vuole rappresentare l’effimero della Vita in Generale al motto (tanto caro a Troisi) di “Ricordati che devi Morire”

TRINIDAD & TOBAGO

Posted: 16th giugno 2017 by adminspirito in VARIE
Tags: ,

Salve

Pensavate fosse arrivato il momento di parlare di Caroni ?!?! E invece………

La scorsa settimana abbiamo deciso di adottare 2 piccoli gattini rimasti orfani perchè abbandonati sulla strada (uno dei due) e perchè la madre è stata investita da una macchina (l’altro).

Indecisi sui nomi con cui battezzarli avevamo pensato a Trinidad & Tobago!! Trinidad doveva essere il nome del Maschietto di Colore Scuro/Tigrato & Tobago la femminuccia, dal pelo Certosino e dal colore Grigio/Bianco…..poi dopo averli visti in azione i primi giorni abbiamo deciso di capovolgere la situazione anagrafica.

Il Maschietto dal pelo arruffato, che cammina con la gambe storte e con i piedi piatti come una papera, che si imbrodola tutto quando va a mangiare e che quando deve fare i suoi bisogni sulla lettiera si mette scavare una buca di mezzo metro finendo inesorabilmente per mettere il sedere fuori dal contenitore (e quindi a farla in terra) dimostrava di essere un tantino tanto imbranato (ma al tempo stesso, proprio per questo, Troppo Simpatico & divertentissimo) e quindi si meritava il nome di TOBAGO (non so il perchè ma mi sembra gli stia meglio dell’altro, del resto un alternativa poteva essere solo un nome tipo “Calimero”).

Il nome di TRINIDAD (che evoca un suono più Signorile devo ammettere) invece è finito per aggiudicarselo la Femminuccia, Altezzosa & Elegante come qualunque Felino di Famiglia Aristocratica (pelo sempre Lucido & Pulito, camminata da passarella, non si Imbrodola mai e fa sempre centro ad ogni colpo) che sa di essere piacente e poche volte si concede ai suoi ammiratori.

Qua sotto li potete vedere in Azione:

In “Gattabuia” (mai nome fu più appropiato) per aver tentato di Rubare una coscia di pollo arrosto…….

A Piede Libero dopo la provvisoria “scarcerazione”…..